Provincia di Pesaro e Urbino
Rete dei Servizi Bibliotecari
Provincia di Pesaro e Urbino - Università degli Studi di Urbino
di Pesaro e Urbino - Polo SBN URB

Pergola e la sua storia è on-line

Il progetto di digitalizzazione voluto dal Lions Club Pergola Valcesano
Dal Lions Club Pergola Valcesano nasce l'idea di pubblicare sul web il volume ormai raro "Di Pergola e dei suoi dintorni" di Luigi Nicoletti, edito dalla tipografia Gasperini di Pergola nel 1899, testo fondamentale per conoscere la storia della città e del suo territorio.
L'iniziativa è stata resa possibile grazie al prezioso contributo della Banca di Credito Coopertivo di Pergola, alla collaborazione della Biblioteca comunale "Giuppi" e della Provincia di Pesaro e Urbino con il suo Assessorato Politiche Culturali e Valorizzazione dei Beni Storico-Artistici e l'assistenza tecnica del suo Servizio Informativo e Statistico.
La digitalizzazione è stata realizzata dalla ditta Record Data di Fano.
Un particolare ringraziamento è doveroso a Giampiero Buratti, Presidente del Lions Club Pergola Valcesano nell'anno lionistico 2007-2008, che ha seguito da vicino il progetto sino alla sua realizzazione.

"Di Pergola e dei suoi dintorni" (testo on-line, scaricabile gratuitamente)

La scheda bibliografica del volume: *Di Pergola "Di Pergola e dei suoi dintorni" (testo on-line, scaricabile dei suoi dintorni / Luigi Nicoletti. - Pergola : Stab. Tip. Gasperini, 1899. - 762 p. : ill. ; 31 cm (dal catalogo del Sistema Bibliotecario Unificato di Pesaro e Urbino)

Breve biografia dell'autore

Indice analitico del testo

Parte prima
Capitolo I – Situazione di Pergola- Formazione geologica e ricchezze naturali del suo territorio-Prodotti del medesimo, pag. 7
Cap. II – Della origine di Pergola, pag. 18
Cap. III – Fra Gubbio e Pergola, pag. 127
Cap. IV – La dominazione Malatestiana, pag. 162
Cap. V – La dominazione dei duchi d’Urbino
1° Periodo (1459-1521), pag. 192

Cap. VI - La dominazione dei duchi d’Urbino
2° Periodo (1521-1632), pag. 219

Cap. VII -  Dalla devoluzione del ducato di Urbino alla S. Sede, fino all’erezione di Pergola in città, pag. 232
Cap. VIII - Dalla erezione in città al 1797, pag. 249
Cap. IX - Dal 1797 al 1808, pag. 258
Cap. X- La dominazione napoleonica, pag. 292
Cap. XI - Murat, pag. 303
Cap. XII - Dal 1815 al 31, pag. 313
Cap. XIII - Il pontificato di Gregorio XVI, pag. 322
Cap XIV - Dalla esaltazione di Pio IX al Pontificato sino al giugno 1849, pag. 332
Cap XV - Dalla restaurazione pontificia del 1849 al 1859, pag. 341
Cap XVI - Dal principio del 1859 alla pace di Villafranca, pag. 347
Cap.XVII - Dalla pace di Villafranca all’otto settembre 1870, pag. 357
Cap XVIII - Dall’otto settembre 1860 al plebiscito marchigiano, pag. 379
Cap XIX - Dal plebiscito marchigiano alla presa di Roma, pag. 396
Cap XX - Dalla presa di Roma ai giorni nostri, pag. 407

Parte seconda
Cap. I- Istituti per la educazione e istruzione della gioventù, pag. 421
Cap. II - Istituti per la istruzione, pag. 423
Cap. III - Istituti pii, pag. 427
Cap. IV - Istituti di Mutuo Soccorso, Cooperativi e di Credito, pag. 438
Cap. V - Associazioni per arte e mestiere, pag. 441

Parte Terza
Cap. I - Girolamo Graziani, pag. 443
Cap. II - Angelo Dal Foco, pag. 483
Cap. III - Pergolesi che si segnalarono nell’amore verso Dio, pag. 518
Cap. IV - Pergolesi che si distinsero nell’amore di patria, pag. 520
Cap. V - Cittadini pergolesi che si resero benemeriti per la loro filantropia, pag. 526
Cap. VI - Pergolesi illustri per dignità ecclesiastiche, pag.528
Cap. VII - Pergolesi che ricopersero cariche politiche o civile molto onorifiche, pag. 543
Cap. VIII - Serie cronologica dei cittadini di Pergola illustri nelle lettere, scienze ed arti, pag. 550
Cap. IX - Pergolesi che acquistarono rinomanza nelle armi, pag. 600

Parte Quarta
Cap. I - Chiese, pag. 607
Cap. II - Del palazzo comunale, del teatro, della rocca, e di altri edifici degni di nota, pag. 637

Parte Quinta
Cap. I - Deio castelli compresi nel comune di Pergola anche innanzi l’aggregazione dei comuni di Fenigli, M. Rolo, M.Vecchio, M. Secco, pag. 647
Cap. II - Degli abitati esisistenti negli ex comuni di Fenigli, M. Secco, M. Rolo, M.Vecchio, pag.657
Cap. III - Il Comune di S.Lorenzo in Campo, pag. 677
Cap. IV - Il Comune di Serra S. Abbondio, pag. 700
Cap. V - Il monastero di Fonte Avellana, pag. 710
 
Aggiunte e correzioni, pag. 725

Luigi Nicoletti

Brevi note biografiche sull'autore
di Sandro Sebastianelli

Luigi Nicoletti nasce a Pergola nel 1874, figlio del prof. Giuseppe e di Anna Castellucci, maestra presso il locale Asilo Infantile; consegue il diploma magistrale in Urbino e successivamente si laurea a pieni voti presso l’Istituto Superiore di Scienze sociali “Cesare Alfieri” di Firenze.
Convinto assertore dell’inserimento dei cattolici nella vita politica a livello locale e nazionale, viene eletto dai clericali ed estimatori quale consigliere comunale e provinciale, poi sindaco dal 1908 al 1911, svolgendo una intensa attività in ogni settore della pubblica amministrazione.
Nel 1910 organizza solenni festeggiamenti a Pergola per il 50° Anniversario dell’Unità d'Italia, ai quali parteciparono autorevoli personalità governative, quali S.E. Gaspare Finali artefice con altri dell’unità nazionale, il ministro Dari, il colonnello garibaldino Augusto Elia di Ancona e altre autorità.
Nel maggio 1911 si trasferisce a Fabriano essendo stato prescelto quale segretario particolare e consigliere del senatore Giambattista Miliani che fu poi Ministro dell’Agricoltura ed ebbe altri incarichi governativi.
La vicinanza della nuova residenza consente al Nicoletti di essere rieletto consigliere comunale di Pergola sino al 1922, contribuendo a risolvere problemi cittadini. Anche a Fabriano prende parte alla vita pubblica e si distingue per l’interessamento all’istruzione, alle opere d’arte e fonda la “Società della cultura fabrianese”.
Nel 1921, per il sesto centenario della morte di Dante Alighieri, organizza a Fonte Avellana, seminari di studi danteschi con la partecipazione di autorevoli esponenti della cultura italiana.
Nel 1925 riordina il carteggio degli emigrati ed esuli marchigiani che da Rimini, nel 1860 organizzarono la sollevazione delle Marche per accelerare l’unità della Patria. Raccoglie inoltre testi e notizie sulla “Battaglia di Sentino” avvenuta nel 295 a.C., e nel 1927 vengono pubblicate.
Per un improvviso collasso cardiaco il Nicoletti muore a Fabriano il 22 febbraio 1936, ma la sua salma viene riportata a Pergola per essere tumulata nella tomba di famiglia.

Pubblicazioni:

-  “Di Pergola e suoi dintorni”, “ storia monumentale” come la definì l’esimio prof. Romualdo Sassi di Fabriano. Fu pubblicata a dispense dal 1899 al 1903 dalla tipografia Gasperini, al prezzo popolare di cinque centesimi l’una per consentire a tutte le famiglie pergolesi di averne un esemplare. Ebbe anche l’onore di una recensione da parte del celebre storiografo Gioacchino Volpe e dall’ascolano Egidio Calzini.

-  “Dante a Fonte Avellana”, edito nel 1903 per consentire al Governo nazionale di dichiarare l’Eremo monumento nazionale.

“L’emigrazione dal Comune di Pergola”, edito nel 1909 dall’Istituto Nazionale dell’emigrazione. E’ la tesi di laurea del Nicoletti, raro e prezioso volumetto ricco di notizie locali: numero degli emigrati, Paesi prescelti, rimesse in denaro comparate con le medesime di altri comuni limitrofi.

-  “Pergola nell’Indipendenza italiana”, “Pergola nel Risorgimento della Patria” e “Pergola nel 1859-60”, edite nel 1910 a cura della civica amministrazione, la prima in edizione di lusso con le illustrazioni,  le altre due in edizione economica.

-  “Fabriano nelle sue opere d’arte”, edita nel 1916 quale guida storico – artistica della celebre città della carta.

-  “Il carteggio del Comitato di Emigrazione di Rimini”, edito nel 1925; un volume di 1146 pagine, una documentazione capillare dei rapporti segreti intercorsi con in patrioti marchigiani, le autorità politiche e militari piemontesi, codici cifrati  ecc., per preparare la sollevazione popolare e consentire l’Unità della Patria. Nello stesso anno, vede la luce la seconda edizione dello studio “Dante a Fonte Avellana”, unitamente ad altro pregevole lavoro dal titolo “La Biblioteca di Fonte Avellana”, esteso dall’esimio prof. Guido Vitaletti di Sassoferrato, ambasciatore della cultura italiana in Italia ed all’estero per molti anni.

Vi sono poi pubblicazioni minori, studi, articoli, riviste culturali quali 2il Bollettino santesco”, “Il Risorgimento d’Italia”, “S. Secondo protettore di Pergola, nel suo Centenario”, richiesti a Nicoletti quale Socio della Deputazione di Storia Patria per le Marche e quale Ispettore Onorario delle Opere d’Arte.

Di questi lavori minori, interessante la farsa dal titolo “ La prima seduta del Consiglio comunale di Pergola” stampato dalla tipografia Gasperini nel 1896, e nella quale il lungimirante Nicoletti prevede il voto al gentil sesso e l’ascesa ad incarichi amministrativi e politici delle donne.

Nato nel ’74, il Nicoletti trascorre la sua esuberante giovinezza con i maturi Reduci delle Patrie Battaglie, con i Garibaldini, Repubblicani, ed esuli politici rientrati a Pergola dopo l’Unità d’Italia. Eletto Sindaco, trasmette documenti e notizie risorgimentali al Governo Centrale, che consentono l’emanazione del seguente decreto reale:

Alla città di Pergola è concessa
la Medaglia d'Oro
in ricompensa delle benemerenze acquistate
durante il periodo del risorgimento nazionale

Memore dell’attività svolta dal Nicoletti, l’Amministratore comunale ha intitolato all’esimio concittadino le Scuole Elementari ed una via.

 
© 2005-2018 Rete dei Servizi Bibliotecari - Gestito con docweb - [id]